Glossario


A__________



aAPOLIDE
Persona che nessuno Stato considera come suo cittadino (Convenzione di New York, 1954).

ASSOCIAZIONI DI TUTELA DEI RIFUGIATI
Associazioni che si occupano della tutela legale e amministrativa di rifugiati e richiedenti asilo.

C__________



cCENTRO ACCOGLIENZA PER RICHIEDENTI ASILO (CARA)
Struttura in cui è accolto lo straniero che chiede protezione internazionale durante il procedimento per la richiesta di protezione internazionale. Il richiedente è ospitato in un centro di accoglienza richiedenti asilo (CARA) nei seguenti casi:

a) quando è necessario verificare o determinare la sua nazionalità o identità, ove lo stesso non sia in possesso dei documenti di viaggio o di identità, ovvero al suo arrivo nel territorio dello Stato abbia presentato documenti risultati falsi o contraffatti;
b) quando ha presentato la domanda dopo essere stato fermato per aver eluso o tentato di eludere il controllo di frontiera o subito dopo;
c) quando ha presentato la domanda dopo essere stato fermato in condizioni di soggiorno irregolare.
Nel caso di cui alla lettera a), il richiedente è ospitato nel centro per un periodo non superiore a venti giorni. Negli altri casi il richiedente è ospitato nel centro per il tempo strettamente necessario all’esame della domanda innanzi alla commissione territoriale e, in ogni caso, per un periodo non superiore a trentacinque giorni.
CLANDESTINI
Stranieri presenti sul territorio privi di regolare permesso di soggiorno; per lo Stato, ufficialmente non esistono. Sono anche coloro che, in fuga da guerre e persecuzioni, giungono senza documenti o con documenti falsi.

COMMISSIONE NAZIONALE PER IL DIRITTO DI ASILO
Commissione con compiti di indirizzo e coordinamento delle Commissioni territoriali, di formazione e aggiornamento dei componenti delle medesime commissioni e di raccolta di dati statistici. Ha poteri decisionali in tema di revoche e cessazione degli status concessi.

COMMISSIONI TERRITORIALI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE
Commissioni che hanno il compito di valutare la domanda di riconoscimento dello status di protezione internazionale.
Fissate nel numero massimo di dieci sono:
- GORIZIA: competenza sulle domande presentate nelle regioni Friuli-Venezia Giulia,
Veneto, Trentino Alto Adige;
- MILANO: competenza sulle domande presentate nella regione Lombardia;
- ROMA: competenza sulle domande presentate nelle regioni Lazio, Abruzzo,
Sardegna, Toscana, Marche, Umbria;
- FOGGIA: competenza sulle domande presentate nelle province di Foggia e Barletta-
Andria-Trani;
- SIRACUSA: competenza sulle domande presentate nelle province di Siracusa,
Ragusa, Caltanissetta, Catania;
- CROTONE: competenza sulle domande presentate nelle regioni Calabria e
Basilicata;
- TRAPANI: competenza sulle domande presentate nelle province di Agrigento,
Trapani, Palermo, Messina, Enna;
- BARI: competenza sulle domande presentate nelle province di Bari, Brindisi, Lecce
e Taranto;
- CASERTA: competenza sulle domande presentate nelle regioni Campania e Molise;
- TORINO: competenza sulle domande presentate nelle regioni Valle d’Aosta,
Piemonte, Liguria, Emilia Romagna.
d

D___________



DOCUMENTO DI VIAGGIO
Documento che autorizza a viaggiare fuori dall’Italia chi è stato riconosciuto come rifugiato

E__________



eECO PROFUGO
Colui che è costretto a lasciare il proprio paese per cause ambientali che rendono impossibile (temporaneamente o definitivamente) la permanenza nel luogo di abituale residenza.
EXTRACOMUNITARIO
Persona non in possesso della cittadinanza di uno dei Paesi che attualmente compongono l’Unione Europea. Quindi, contrariamente all’accezione corrente, sono extracomunitari anche gli Svizzeri e gli Statunitensi.


M__________



mMIGRANTE
Termine generico che indica chi sceglie di lasciare il proprio Paese per stabilirsi, temporaneamente o permanentemente, in un altro Stato. Tale decisione ha carattere volontario, anche se spesso dipende da ragioni economiche, avviene cioè quando una persona cerca in un altro paese un lavoro e migliori condizioni per vivere o sopravvivere.

MEDIATORI LINGUSTICI E CULTURALI
Chi all’interno dei centri di accoglienza (CARA) aiuta il richiedente protezione internazionale a comunicare con il personale del centro e/o con i membri della Commissione Territoriale, anche interpretando le diversità culturali e comportamentali

MINISTERO DELL’INTERNO
Amministrazione Centrale dello Stato che ha competenza primaria in materia di immigrazione e asilo.

O__________



oOPERATORI DEL CENTRO
Chi all’interno dei centri di accoglienza (CARA) si occupa dell’aspetto amministrativo/ organizzativo dei servizi offerti a tutela del richiedente protezione internazionale e della risoluzione dei problemi medici, psicologici e legali dei richiedenti protezione internazionale.

P__________



pPERMESSO DI SOGGIORNO
Documento che autorizza a soggiornare sul territorio italiano in maniera regolare.

PREFETTURA
Organo Amministrativo decentrato del Ministero dell’Interno sul territorio provinciale ed è Ufficio Territoriale del Governo.

PROFUGO
Termine generico che indica chi lascia il proprio paese a causa di eventi esterni (guerre, invasioni, rivolte, catastrofi naturali).

Q__________



qQUESTURA
Organo Amministrativo che dirige e organizza le attività della Polizia in ogni provincia. All’interno di ogni Questura, c’è un ufficio stranieri che si occupa delle pratiche burocratiche degli immigrati e di coloro che richiedono asilo (ad esempio può ricevere la domanda d’asilo, rilasciare e rinnovare il permesso di soggiorno e il documento di viaggio).

R__________

rREGOLARI /IRREGOLARI
Gli immigrati regolari sono coloro che risiedono in uno Stato con un permesso di soggiorno rilasciato dall’autorità competente. Gli irregolari sono gli immigrati con permesso di soggiorno scaduto e non rinnovato; sono anche coloro che, entrati ad esempio per motivi di studio, svolgono di fatto altre attività.

RICHIEDENTE ASILO
Colui che fugge dal proprio paese e inoltra, in un altro Stato, una domanda di asilo per il riconoscimento dello status di rifugiato. La sua domanda viene poi esaminata dalle autorità competenti di quel paese (in Italia, la Commissione Centrale per il Riconoscimento dello Status di Rifugiato). Fino al momento della decisione in merito alla domanda, egli è un richiedente asilo.

RIFUGIATO
Colui che è costretto a lasciare il proprio paese a causa di persecuzione per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per le opinioni politiche (Convenzione di Ginevra, 1951). A differenza del migrante, egli non ha scelta: non può tornare nel proprio paese d’origine se non a scapito della propria sicurezza e incolumità. Dal punto di vista giuridico-amministrativo, un rifugiato è una persona cui è riconosciuto lo status di rifugiato.

S__________



sSANATORIA
[sa-na-tò-ria]
DIR Provvedimento dell’autorità competente con cui si viene a considerare legittima una situazione di per sé irregolare: chiedere, invocare, ottenere una sanatoria.

‖ estens. Atto con cui si pone rimedio a una situazione irregolare o a una mancanza condivisa da più persone: con una sanatoria hanno ammesso tutti all’esame.
SFOLLATO
In alcuni contesti, si parla genericamente di sfollato come di chi fugge a causa di catastrofi naturali o guerre e viene accolto temporaneamente sul territorio di un paese estero, con un soggiorno per “protezione umanitaria”. Spesso, il termine è usato come traduzione dall’inglese: “Internally Displaced Person” (IDP), colui che abbandona la propria dimora per gli stessi motivi del rifugiato, ma non oltrepassa un confine internazionale, restando dunque all’interno del proprio paese.

SISTEMA DI PROTEZIONE DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI (SPRAR)Sistema di accoglienza e integrazione, promosso dal Ministero dell’Interno e dagli Enti Locali, che offre ai richiedenti asilo ed ai rifugiati, nei limiti delle sue disponibilità recettive, supporto di tipo alloggiativo e aiuto all’avvio di un percorso d’integrazione sul territorio nazionale.

T___________


t TITOLO DI VIAGGIO
Documento che autorizza a viaggiare fuori dall’Italia chi avuto il permesso di soggiorno per protezione sussidiaria e per protezione umanitaria.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento a questo post