L'ONU alla Russia: Abrogate la legge antigay

Mentre il Comitato Olimpico Internazionale ha ribadito il fermo divieto a qualsiasi manifestazione contro le norme anti gay vigenti in Russia da parte di tutti gli atleti che prenderanno parte a Solchi 2014, dall'Onu è finalmente giunta la prima posizione ufficiale. L'ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, infatti, ha espresso la propria condanna e ne ha richiesto l'abrogazione. «Queste misure -ha dichiarato Claude Cahn dell'Alto Commissariato- sono la base per molestie permanenti e regolari come anche per la detenzione arbitraria e contribuiscono a creare un clima di terrore per ogni persona che lavora nel campo della promozione dei diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali». Ad essere inclusa nel monito non è stata la sola Russia, ma anche le altre nazioni che hanno ritenuto di voler seguire il suo esempio nel punire la cosiddetta "propaganda omosessuale" (come la Repubblica Moldava e l'Ucraina). Fonte: http://gayburg.blogspot.com/2013/08/lonu-chiede-labrogazione-delle-leggi.html

Russia antigay: La Lingua biforcuta di Vitaly Mutko

La Lingua biforcuta di Vitaly Mutko, ministro russo dello sport: Atleti e turisti che verranno a Sochi per le Olimpiadi Invernali nel 2014 stiano tranquilli, non saranno perseguiti per la legge antigay... o forse si...vedremo!

Commento e traduzione (da CBSnews) di Zeno Menegazzi

La Legge russa che vieta "propaganda Gay" verso i minori, non viola la vita privata di atleti e spettatori che verranno alle Olimpiadi invernali del prossimo anno a Sochi, così ha affermato Vitaly Mutko, ministro russo dello sport.
Ma i commenti di Vitaly Mutko nel giorno finale dei campionati del mondo di atletica lasciano aperta la possibilità che gli atleti olimpici, turisti e visitatori appassionati di sport, potranno anche essere perseguiti per legge, se faranno affermazioni che potrebbero essere considerate propaganda gay.
In una conferenza stampa di Domenica, Mutko ha paragonato le relazioni omosessuali all'abuso di sostanze. "Vogliamo proteggere i nostri bambini, la cui psiche non è ancora formata dalla propaganda del consumo di droga, ubriachezza e rapporti sessuali non tradizionali", ha detto Mutko.
L'omosessualità è stata depenalizzata in Russia nel 1993 e Mutko, insieme ad altri funzionari russi, si è preoccupato di sottolineare che la legge non penalizza l'orientamento o l'attività omosessuale.
"Posso dire ancora una volta che la libertà di atleti, ospiti russi e stranieri che vengono a Sochi saranno assolutamente protetti", ha detto Mutko. Tuttavia, la legge riflette la diffusa ostilità verso gli omosessuali nella società russa e verso i suoi problemi correlati ad essa. La legge penalizza chi diffonde informazioni volte a persuadere i minori che i rapporti "non tradizionali" sono normali o attraenti, ma non definisce e stabilisce di preciso che cosa sarebbe considerato informazione o diffusione. Così è possibile che chiunque indossa una bandiera arcobaleno per la strada o la scrive post o notizie su relazioni gay su Facebook, per esempio, potrebbe essere accusato di "propaganda". 

La questione ha attirato l'attenzione ai campionati del mondo di questa settimana quando svedese saltatore in alto Emma Green Tregaro, ha dipinto le sue unghie nei colori dell'arcobaleno per sostenere gay e lesbiche. Il gesto della Green Tregaro, che ha detto è stato finalizzato a promuovere la tolleranza, ha fatto scattare un reclamo dall'atleta russa, stella di salto con l'asta Yelena Isinbayeva , che ha affermato che con quel gesto la Green Tregaro stava mancando di rispetto Russia. Dopo che i funzionari della IAAF, organo di governo dello sport, hanno detto che il gesto poteva essere una violazione del codice del concorso di condotta, la Green Tregaro è apparsa nel round finale di Sabato con le unghie rosse.
Due volte campione olimpico di pattinaggio artistico Johnny Weir ha detto alla CBSNews che considera la Russia "il più magnifico posto nel mondo", ma è preoccupato che "in Russia, solo per il semplice fatto di essere gay, è possibile essere arrestati, multati, ed è una cosa terribile anche solo a pensarlo. " La legge contro la Propaganda gay  ha scatenato una campagna negli Stati Uniti di boicottare vodka russa e una mobilitazione chiesta dagli attivisti gay di boicottare le Olimpiadi invernali di Sochi 2014.
Mutko ha minimizzato la polemica di Domenica. "A mio parere, i media occidentali, i media fuori dalla Russia, dovrebbero dare più attenzione a ciò che facciamo in Russia", ha detto Mutko.